Cento libri – Leggere leggeri

Martedì 24 novembre presso il Ministero dell’Istruzione è stata presentata Cento libri – Leggere leggeri un’iniziativa nata da una collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione e l’associazione culturale Piccoli Maestri, per promuovere la lettura dei classici nelle scuole. Hanno preso parte alla presentazione la ministra Lucia Azzolina, Marco Lodoli in veste di docente e scrittore ed Elena Stancanelli, presidente dell’associazione Piccoli Maestri.

Il progetto Cento libri – Leggere leggeri è rivolto alle scuole secondarie di secondo grado e ha già raccolto numerose adesioni, tra scrittrici e scrittori. Ciascuno ha proposto tre libri che ama tra i classici del Novecento, tre libri importanti che vorrebbe non fossero dimenticati, tre compagni di viaggio per raccontare nelle classi virtuali la passione per la lettura. Gli incontri si svolgeranno online, sfruttando gli strumenti già in uso per la didattica a distanza e permettendo così di raggiungere scuole sparse in tutta Italia, sul modello dell’iniziativa Sfangarla promossa da Piccoli Maestri durante il primo lockdown.

L’elenco completo dei cento libri proposti alle scuole, in costante aggiornamento, è consultabile qui.
Per avere maggiori informazioni sul progetto è possibile scrivere all’indirizzo piccolimaestri.info@gmail.com
L’illustrazione  è stata realizzata da Mariagiulia Colace a cui va tutta la nostra gratitudine.

CondominioMGC_Loghi

2 commenti
  1. Elisabetta Battista
    Elisabetta Battista says:

    Buongiorno, mi chiamo Elisabetta Battista e mi sto occupando della partecipazione del Liceo Statale Sandro Pertini di Genova al progetto Cento libri. Qual é la data di scadenza per la presentazione della scelta dei tre libri?
    Grazie
    Elisabetta Battista

    Rispondi
    • fedecentrico
      fedecentrico says:

      Buongiorno Elisabetta,
      non c’è una data di scadenza.
      Felici del suo interessamento, per qualunque altro dubbio non esiti a contattarci

      Rispondi

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *